lunedì 11 gennaio 2016

La poesia futura

 

La poesia futura sarà orale. Collaborazione tra macchine parlanti, macchine pensanti e un pubblico di poeti, essa sarà l’arte di ascoltare e combinare i messaggi. E non è ciò che si fa ora quando leggiamo un libro di poesie?

OCTAVIO PAZ
Corrente alterna

 

Chris MacVeigh

Nessun commento:

Posta un commento