martedì 26 aprile 2016

Un occhio che legge

 

Un treno in corsa furibonda su due lame di ferro, e dentro il treno un angolo di magica immobilità ritagliato minuziosamente dal compasso di una fiammella. La velocità del treno e la fissità del libro illuminato. L'eternamente cangiante multiformità del mondo intorno e l'impietrito microcosmo di un occhio che legge.

ALESSANDRO BARICCO
Castelli di rabbia

 

Nessun commento:

Posta un commento