mercoledì 25 maggio 2016

Un’inquietudine divina

 

Che felicità!... O meglio no, non era felicità, ma un'attesa, un'inquietudine divina, una sete ardente che le faceva battere più forte il cuore.

IRÈNE NÉMIROVSKY
Jezabel

 

Némirovsky

Nessun commento:

Posta un commento